Astronomia  Milan, Italy - 4529'15" N - 912'45" E
Turismo IT & Internet Pagine Sparse Astronomia Curriculum

Il Medioevo

Fra l'ottavo e il dodicesimo secolo gli astronomi arabi, diretti eredi della tradizione tolemaica, svilupparono le conoscenze astronomiche a livelli elevatissimi. Sul modello dell'Almagesto, produssero tavole con i risultati di osservazioni sempre più precise e cataloghi e descrizioni di stelle e costellazioni. Ne è uno splendido esempio il Libro delle stelle e delle costellazioni di Abd al-Rahman al-Sufi (903-986), scopritore della galassia di Andromeda.

Le uniche rappresentazioni del cielo di questo periodo giunte fino a noi sono le immagini di singole costellazioni e le mappe riportate sugli astrolabi, strumenti ideati per eseguire calcoli e misurazioni astronomiche.

I principi su cui veniva costruito l'astrolabio erano quelli scoperti da Ipparco e descritti nel Planisfero di Tolomeo. Perfezionato da studiosi arabi come Al-Sarraj (1328/29), l'astrolabio raggiunse l'Europa attraverso la Spagna nell' XI sec. Gli strumenti più antichi furono realizzati da astronomi persiani nel decimo secolo; gli esempi più belli furono costruiti in pieno Rinascimento (come quello di Gualterus Arsenius del 1550 ca.).

L'astrolabio classico è formato da un disco sul cui bordo è incisa una scala divisa in 24 ore, e può essere sospeso attraverso un anello. La parte interna del disco contiene una piastra che riporta le coordinate orizzontali (linee di altezza e azimuth) in proiezione stereografica, calcolate per una certa latitudine geografica. Su questa piastra ruota la rete, mappa celeste (in proiezione stereografica) con puntatori che indicano le stelle più luminose e il cerchio dell'eclittica. Sopra alla piastra è incernierata un'alidada con traguardi per misure di altezza. In molti modelli il dorso riporta scale di gradi e funzioni trigonometriche, calendari, scale per misure terrestri.

L'astrolabio è stato uno strumento fondamentale per gli scienziati fino al XVII secolo, cioè fino all'invenzione e all'uso astronomico del telescopio.


indietro torna al sommario avanti

 


R. Baggio - Last update: November 2001

top